logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Rovigo

Provincia di Rovigo - Regione del Veneto


Contenuto

News

Errore caricamento immagine.

Turandot incanta il Sociale


COMUNE DI ROVIGO
Ufficio Stampa: Paola Gasperotto
Tel 0425/206102
e-mail: ufficiostampa@comune.rovigo.it

 

 

Turandot incanta il Sociale
Colori, maestosità, tantissimi personaggi e un ottimo cast, per uno spettacolo davvero di grande impatto scenografico. La Turandot firmata Massimo Pizzi Gasparon Contarini, ha decisamente incantato tutto il pubblico presente che, venerdì sera e domenica pomeriggio, ha fatto registrare il sold out al Teatro Sociale. Il massimo è stato raggiunto con la celebra aria “Nessun dorma”, che ha fatto scattare l'ovazione, con tanto di bis da parte del bravissimo tenore Walter Fraccaro nel ruolo di Calaf. Tantissimi gli applausi anche per gli altrettanto bravi protagonisti, Lilla Lee nella parte di Turandot, Angela Nisi in Liù e per tutto il cast in generale, compresi il coro Lirico Veneto con il maestro Giuliano Fracasso e l'orchestra Regionale Filarmonia Veneta guidata da Simon Krecic.
Questa coproduzione del Teatro Sociale e della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara con la collaborazione della Fondazione Rovigo Cultura, ha davvero convinto e suscitato grandi emozioni in un Teatro da grande occasione.
“Gli applausi infiniti con i quali il pubblico ha letteralmente abbracciato gli artisti in entrambi gli spettacoli – ha detto l'assessore alla Cultura Alessandra Sguotti -, sono il riconoscimento più bello alle tante fatiche quotidianamente spese. Ringrazio il pubblico per l'affetto dimostrato, un affetto che dedico alla squadra che mi affianca e accompagna ogni giorno. Un grandissimo grazie a tutti e alla mia amata città”.
Grandissima soddisfazione anche dal sindaco Massimo Bergamin per una serata di enorme successo nell'anno del bicentenario del Teatro Sociale, che vede ancora moltissimi appuntamenti ed eventi all'insegna della cultura.
Una serata speciale, come ha sottolineato il maestro Pizzi Gasparon Contarini, perché fatta in versione unica senza intervalli. “Esperienza che non capita spesso – ha detto -, inoltre abbiamo deciso di fare il finale musicato da Puccini per rispettare la parte composta dal maestro, credo questo sia stato un vantaggio perché il pubblico può rimanere con questa malinconia di fondo che rappresenta il funerale di Liù, forse il personaggio più patetico di Puccini che ha creato quest'opera”.

Rovigo, 21/01/19
Comunicato n. 35/19

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 24/01/2019
Piazza Vittorio Emanuele II, 1 - 45100 Rovigo | Centralino 0425.2061 - Fax 0425.206354
P.Iva / C.F. : 00192630291
E-mail: urp@comune.rovigo.it | PEC: comunerovigo@legalmail.it
RSS:
News | Eventi