logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Rovigo

Provincia di Rovigo - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
             

Altri Servizi alla Persona

Dove rivolgersi

Settore Servizi alla Persona.
Indirizzo  Viale Trieste, 18 - Orari di apertura: martedì e giovedì 8.30-12.30
Telefono  0425/206472
Dirigente  Volinia Giampaolo
Fax  0425/206476
Email  serviziosociale@comune.rovigo.it
Assessore: Borile Patrizia  patrizia.borile@comune.rovigo.it

Asilo notturno Arcobaleno

 Arcobaleno

L'asilo notturno Arcobaleno si trova in Via Monti 14 - 2° piano - Rovigo.

E' una laterale di Viale Gramsci, vicino al semaforo con Viale della Pace.

Orario estivo: (dal 15 aprile al 27 ottobre):
- ore 21,00 apertura e accoglienza fino alle 22,00
- ore 8,00 del mattino uscita e chiusura

Orario invernale: (dal 28 ottobre al 14 aprile):
- ore 20,00 apertura e accoglienza fino alle 22,00
- ore 8,00 del mattino uscita e chiusura

Saranno disponibili i seguenti servizi: doccia, pernottamento e prima colazione.
Posti disponbili: max 8, di cui 2 per donne.

Per informazioni: tel. 3281459263

 

INFORMAZIONI

L'ASSOCIAZIONE

ARCISOLIDARIETÀ
sede legale: Viale Trieste 29 - 45100 Rovigo

Strutture residenziali:

-La Casa della Pace P.zzale d'Annunzio 1 Rovigo (4 posti per uomini)

-La Coccinella Via Forlanini 38 Rovigo(4 posti per donne e/o con minori)

-La Rosa dei Venti Via Manfredini 17 e 37 Rovigo (per nuclei familiari)


Tel.3281459263L’Associazione è nata a Rovigo nel 2000 dalla necessità di creare un coordinamento tra singoli individui, gruppi spontanei, associazioni e circoli che intendano promuovere iniziative e progetti comuni per diffondere e praticare una cultura della solidarietà, con particolare riferimento agli immigrati, ai profughi, ai rifugiati, ai richiedenti asilo, alle vittime della guerra e dei conflitti, a tutti coloro che vedono violati i propri diritti civili ed umani.

Finora l’associazione si è impegnata a promuovere:
* iniziative di sensibilizzazione, in collaborazione con altre Associazioni, sui popoli oppressi, sui diritti negati, pace, diritti umani, immigrazione e senza dimora
formazione di volontari e operatori con le seguenti iniziative sull’intercultura e la solidarietà
gestione di servizi
- gestione diretta dell’asilo notturno ARCOBALENO a Rovigo (dal febbraio 2003) e attivazione di servizi di sostegno agli ospiti 
- organizzazione e associazione capofila in una co-progettazione riguardante l’area “povertà ed emarginazione”, dal titolo CASA SOLIDALE – gestione di un centro di accoglienza notturno per l’emergenza freddo 2006
- avvio e gestione di una esperienza di accoglienza residenziale( agosto 2007) presso la struttura LA CASA DELLA PACE di Via Spola n. 10 Rovigo 
- avvio e gestione di una esperienza di appartamento di sgancio LA COLOMBA (settembre 2007) presso la struttura di Via Spola n. 10 Rovigo
L’Associazione è iscritta al Registro Regione Veneto delle Associazioni di volontariato(L.266/91) e partecipa ai bandi dei progetti di solidarietà in base alla L.R.40/93
E’ componente del tavolo territoriale per i senza dimora promosso dal Comune di Rovigo.
I progetti di accoglienza sono inseriti nei Piani di zona dell’ULSS 18
Presidente: Donata Tamburin 

PERCORSI DI INCLUSIONE ABITATIVA: dall’ASILO NOTTURNO “ARCOBALENO” all’autonomia

L’idea iniziale:
Predisporre una struttura abitativa con 6-8 posti letto, destinati esclusivamente al pernottamento (con servizio di prima colazione), per permanenze temporanee, di passaggio e di emergenza, rivolto a soggetti, immigrati e non, con difficoltà economiche, per impedire che queste persone pernottino presso la stazione ferroviaria, all’aperto o in edifici non adeguati. E’ nato per questo motivo l’asilo notturno ARCOBALENO
Le esperienze:
Dopo la permanenza presso l’asilo notturno,sono state rilevate difficoltà, per alcuni soggetti, a trovare una sistemazione alloggiativa autonoma.
Pertanto abbiamo pensato di realizzare un progetto che prevede una risposta articolata, a seconda del bisogno, al disagio abitativo dell’immigrato fin dal suo primo arrivo in Italia, anche per limitare il suo coinvolgimento in attività illegali e/o di sfruttamento e favorire invece il suo graduale e corretto inserimento nella comunità italiana. Per le situazioni che riguardano gli italiani, visto l’aumento progressivo di fenomeni di emarginazione e di povertà, si rende necessario l’ampliamento di strutture di accoglienza e di accompagnamento, rispetto alle attuali presenti nel nostro territorio, per avviare un recupero sociale e delle relazioni familiari.
Il nostro progetto rappresenta quindi un piccolo sistema integrato di accoglienza (con diverse tipologie: primissima accoglienza, seconda e terza accoglienza) volto a rispondere a esigenze di disagio abitativo 
Quattro sono le proposte, collegate tra loro, in modo da rappresentare un percorso, in tempi più lunghi, che promuove l’autonomia abitativa.
A) Asilo notturno “Arcobaleno”. Si tratta di un servizio di accoglienza notturna continuativa, unico nel territorio provinciale,per rispondere alle esigenze di persone che si trovano senza alloggio ed impedire o ridurre i pernottamenti nell’area della stazione ferroviaria o in altri ricoveri precari della città.Attualmente in Via All’Ara n. 6 (Centro storico) questa struttura è destinata a permanenze brevi(max 1 mese)
B) Centro di accoglienza residenziale”La casa della pace”. Esperienza di accoglienza residenziale(avviata da agosto 2007)per gli ospiti che, dopo la primissima accoglienza nell’asilo notturno, incontrano ancora difficoltà ad inserirsi in un contesto lavorativo e abitativo autonomo e richiedono una guida e accompagnamento più prolungati, pur manifestando capacità e caratteristiche per avviarsi verso l’autogestione .Attualmente utilizziamo un immobile (Associazione Piccola Casa di Padre Leopoldo) di Via Montenero 18 Rovigo, con max 6 posti letto, destinata a permanenze più lunghe(max 6 mesi) e basata sull’autogestione, con presenza di volontari e operatori solo per guida e accompagnamento.
C) Appartamento di sgancio” La colomba”. Esperienza per consentire lo sviluppo di capacità per avviarsi alla completa autonomia nella gestione di un alloggio(locazione, utenze,cura e pulizia dell’alloggio) attraverso l’utilizzo di un appartamento di sgancio, in cui i soggetti inseriti possono,con la guida di operatori e volontari, sperimentarsi personalmente nell’organizzazione e gestione autonoma di un alloggio.Tale struttura è destinata a quei soggetti che hanno un’attività lavorativa (anche se precaria), che hanno eventualmente già fatto un percorso nelle altre strutture o simili, che presentano prospettive di inserimento lavorativo o che si trovano in particolari situazioni(richiedenti asilo o rifugiati).
Attualmente utilizziamo la medesima struttura di Via Montenero 18 Rovigo, con max 2 posti letto maschili, destinata a permanenze lunghe(max 6 mesi) e gestita autonomamente, con supporto saltuario di operatori e volontari.

D) “La Coccinella” - Via Forlanini 38. Struttura residenziale per donne sole e/o con minori, destinata all’accoglienza di donne sole (anche con figli minori) in condizioni di disagio familiare, lavorativo, economico e/o sociale. 
La struttura è costituita da un appartamento, dotato di n. 2 stanze letto (per max 4-5 persone), dove sono alloggiate in autogestione soggetti già conosciuti (in quanto utilizzatori delle precedenti strutture)o inviati e sostenuti dai servizi sociali del territorio. I volontari ed eventualmente gli operatori sono presenti per particolari difficoltà e per il controllo. Ha aderito a questo progetto la Caritas di Rovigo, con il supporto dei suoi servizi e operatori.

 

Scarica il regolamento dell'Asilo Notturno Arcobaleno 

Assistenza economica

Descrizione 
I contributi di assistenza economica garantiscono il minimo vitale, cioè un reddito necessario a soddisfare il livello minimo dei bisogni di vita individuali e familiari. L’assistenza economica, inoltre, aiuta i cittadini in situazioni di disagio economico anche provvisorio (ad esempio contribuendo al pagamento dell’affitto o delle bollette) o in straordinari casi di emergenza. Altri interventi di assistenza economica prevedono la riduzione o esenzione dal pagamento di alcuni servizi comunali e i servizi di aiuto alla famiglia. 
Il minimo vitale viene stabilito dal Comune di anno in anno secondo i parametri INPS.

Destinatari
Possono usufruire dei contributi di assistenza economica i cittadini residenti nel Comune di Rovigo che si trovano in situazioni di bisogno perché privi di reddito o con un reddito insufficiente.

Come fare
Per richiedere un contributo economico è necessario avere un colloquio con l’Assistente Sociale e compilare l’apposito modulo. Le domande vengono poi valutate dalla Commissione Consultiva per l’erogazione dei Servizi Sociali di base. La decisione della Commissione viene successivamente comunicata per iscritto.

Normativa 
Regolamento comunale per l’erogazione di contributi di assistenza economica ordinaria e straordinaria:

 

Informazioni utili

A chi rivolgersi

Assistenti sociali:

Giovanni Bertini (area famiglie con minori) - tel. 0425/206.574
Laura Mabea (area /anziani) - tel. 0425/206.473
Anna Fasson (home Care premium) - tel. 0425/206.482
Veronica Bellini (area Adulti) - tel. 0425/206.545
Elena Piva (Sad Assistenza domiciliare) - tel. 0425/206.496

Personale amministrativo:

Lorenza Rizzo, Angela Valendino, Stefania Sgardiolo, Leonida Baruchello

Dove andare

Viale Trieste, 18/A (ex sede INAIL)

Altri enti coinvolti

A seconda dei casi gli utenti vengono indirizzati alle associazioni e ai centri di accoglienza presenti sul territorio comunale.

Contributi ed agevolazioni per famiglie monogenitoriali - monoreddito

Il Comune di Rovigo concede ogni anno contributi economici ed agevolazioni, tramite apposito bando, per la frequenza di servizi per la prima infanzia e scuola materna a favore delle famiglie con un solo genitore e con uno o più figli minori e per le famiglie, con tre o più figli in minore età, con madre o padre casalinga/a con reddito compreso in determinate fasce.

 

Reddito di Ultima Istanza (RUI)

Il Reddito di Ultima Istanza è un modo di contrastare la povertà e l’emarginazione attraverso la possibilità di avere un contributo economico temporaneo vincolati all’anno e di iniziare un progetto di inserimento lavorativo o sociale.

Destinatari

Il R.U.I. si rivolge principalmente a persone in situazione di difficoltà economica e a rischio di emarginazione.

Requisiti

  • avere un reddito familiare mensile non superiore ai limiti stabiliti annualmente.;
  • avere la residenza nel Comune da almeno 6 mesi, se cittadino italiano o dell’Unione Europea.
  • disoccupati da almeno 6 mesi premuniti di indennità di disoccupazione.

Come Fare

L’interessato sostiene un colloquio , che si svolge al Settore Servizi alla Persona/Statistica del Comune di Rovigo, con l’Assistente Sociale del Comune e riceve un modulo da compilare.

 

Informazioni utili

Con chi parlare

Assistenti sociali:
• Alla famiglia con minori
0425/206.574
• Agli Adulti
0425/206.545
• Agli Anziani
0425/206.473
Segretariato Sociale
• 0425/206.542
lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 8.30–12.45
martedì e giovedì: 15.15–17.45.

Dove andare

Viale Trieste, 18/A (ex sede INAIL)

Servizio pasti a domicilio

Descrizione
Il servizio pasti a domicilio prevede la consegna a domicilio del pasto di mezzogiorno tutti i giorni della settimana, compresi quelli festivi. Possono usufruire del servizio tutte le persone in assistenza domiciliare (S.A.D. – Servizio Assistenza Domiciliare), indipendentemente dall’età, e i cittadini di età superiore ai 65 anni. Inoltre il servizio può essere esteso a persone che si trovano in stato di bisogno anche se di età inferiore ai 65 anni.


Come fare

Per usufruire del servizio è necessario presentare la richiesta presso il Settore Servizi alla Persona/Statistica del Comune e ottenerne la necessaria autorizzazione.
La compartecipazione al costo del servizio varia in relazione all’ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) e la compartecipazione concorso spesa dovrà essere pagato anticipatamente con versamento postale o bancario.
Sulla base della ricevuta di pagamento, il personale del Settore Servizi alla Persona/Statistica consegnerà le cedole-pasto.

 

Concorso di spesa:

  • gli utenti del SAD, con ISEE (Indicatore Socio-Economico Equivalente) inferiore o uguale ad € 6.500,00, hanno a loro carico il 60% del concorso massimo alla spesa del pasto (€ 4,20);
  • gli altri utenti concorrono invece nel modo seguente:
    a) con ISEE inferiore o uguale ad € 7.000, a carico utente 80% (€ 5,60);
    b) con ISEE inferiore o uguale ad € 8.500, a carico utente 90% (€ 6,30);
    c) con ISEE superiore ad € 8.500, a carico utente 100% (€ 7,00).

Gli utenti che non desiderano presentare l’ISEE concorrono con il 100% del costo complessivo.
Gli utenti non in SAD, ma in gravi situazioni economiche, potranno essere sostenuti economicamente dal Comune nel pagamento del concorso di spesa.
Il Comune si riserva di erogare, indipendentemente dall’età e per casi di documentata gravità, la fornitura di pasti a domicilio gratuitamente.
Il concorso alla spesa sarà pagato anticipatamente tramite versamento postale o bancario. A fronte del riscontro del versamento, il Comune consegnerà il proporzionale numero di cedole-pasto, le quali dovranno essere giornalmente consegnate alla persona che porterà materialmente il pasto a domicilio.
Per quanto riguarda l’ISEE, ci si può rivolgere ad un CAAF.

Il concorso massimo di spesa, compreso il trasporto, è stabilito in € 7,00.
Per informazioni: Servizi Sociali del Comune – Viale Trieste n° 18 – Rovigo (tel. 0425-206481 – 0425- 206543).


Modulistica
 Modulo di richiesta per il servizio Pasti a domicilio 

 

Informazioni utli

Telefono
tel. 0425/ 206.481 

Orario: 
dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30

Dove andare:
Settore Servizi alla Persona
Viale Trieste, 18

Tutela interdetti

La tutela degli interdetti, viene affidata dal Tribunale al Comune, nominando il Sindaco pro tempore come tutore.
In questo caso i Servizi Sociali gestiscono il patrimonio, gli interessi e i bisogni dell’interdetto

 

Destinatari

Il servizio è rivolto a coloro che, a causa di problemi fisici e/o mentali, non sono in grado di badare a sé stessi e nessuno (genitori, parenti, ecc.) può occuparsi di loro.

 

Come Fare

Per informazioni rivolgersi all’Assistente Sociale del Comune oppure direttamente al Tribunale di Rovigo. La richiesta di interdizione va inoltrata al Tribunale di Rovigo.

 

Informazioni utili

Orari

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 8.30–12.45
Martedì e giovedì: 15.15–17.45

Telefono

0425/206.552
0425/206.214

Dove andare

Viale Trieste, 18/A (ex sede INAIL) - Ufficio Sportello

Altri enti coinvolti

Tribunale di Rovigo, Via Verdi, 2
Centralino: tel. 0425/428.111

Emergenza freddo

Destinatari
Il Comune organizza per affrontare le problematiche delle persone senza fissa dimora nel periodo invernale. una casa solidale in città che nei mesi invernali offre ospitalità notturna dalle ore 21.00 alle ore 8.00.
Per informazioni rivolgersi al Centro di Ascolto di V.le Gramsci,62.

Orari:

martedì 16.00 - 18.00
giovedì 16.00 - 18.00
sabato 10.00 – 12.00

Telefono: 0425/411227

Estate di benessere

Breve spiegazione

Il Comune in collaborazione con (Carabinieri, Polizia di Stato, Vigili del fuoco, SUEM, Guardia Medica, Vigili Urbani,ULSS18, Croce Rossa Italiana) organizzano un servizio di assistenza “leggera” e un centro di ascolto finalizzato ad affrontare le difficoltà climatiche da parte degli anziani. Viene attivato nel periodo estivo sulla scorta delle indicazioni climatiche comunicate dall’Ufficio di competenza dell’ULSS 18

Senza fissa dimora



Progetto  per le persone in stato di povertà estrema e senza fissa dimora:  “Comuni Solidali” e Protocollo d’intesa con Provincia

Sono progetti che vedono la partecipazione di diversi soggetti pubblici e privati del territorio, come attori e come cofinanziatori:  Regione Veneto, Provincia di Rovigo, Fondazione Cariparo, i Comuni appartenenti alla Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 18.
Il Comune di Rovigo ne è il capofila. Partecipano al Progetto in qualità di partners e fornendo sostegno e iniziative: l’Associazione “La Piccola Casa di Padre Leopoldo” di Rovigo, la Comunità “Emmaus” di Fiesso Umbertiano, il Centro di Ascolto e Orientamento di Rovigo, l’associazione Arcisolidarietà, associazione S.Vincenzo de Paoli, Caritas e altre associazioni.

Obiettivo del Progetto è quello di rispondere ai bisogni essenziali e quotidiani  (vitto , alloggio, vestiario, igiene, bisogni sanitari…) mettendo  a disposizione di persone senza fissa dimora e/o in grave stato di povertà un posto letto, del vitto e della biancheria, un servizio docce.
Il Progetto ha attivato un servizio mobile tramite un camper attrezzato nel quale vi è la possibilità di rifocillarsi, di lavarsi e di avere della biancheria pulita.

La Rete Territoriale per i senza dimora formalizzata nel 2003 con protocollo d’intesa nasce dalla collaborazione attiva di n.14 soggetti non profit e istituzioni pubbliche; 38 comuni, provincia, A.Ulss 18.
La rete offre un primo aiuto a persone prive di alloggio o in condizioni di povertà estrema.
La Rete ha attivato un Tavolo di coordinamento che è anche luogo di analisi, riflessione ed elaborazione per promuovere politiche di contrasto alla povertà e alla disuguaglianza fra persone.

Destinatari
Il servizio si rivolge a tutte le persone che vivono in condizioni di estrema povertà e senza dimora.
Si offrono servizi di:

  • ascolto e orientamento;
  • servizi di sollievo (mensa, asilo notturno, servizio docce, ambulatorio infermieristico);
  • servizi di accoglienza residenziale temporanea;
  • distribuzione di alimenti e generi di prima necessità.


Informazioni Utili


Con chi parlare
Il Progetto ha costruito una rete di cui fanno parte le associazioni presenti sul territorio; pertanto, le persone si possono rivolgere a tutte le associazioni del territorio provinciale e agli enti del privato sociale.
Dove andare
Centro di ascolto di viale Gramsci, 62
Settore Politiche Sociali e della famiglia, viale Trieste, 18/a
Quando
Centro di ascolto:
martedì 16.00-18.00
giovedì 16.00-18.00
sabato 10.00-12.00
Telefono : 0425 411227
Settore Politiche Sociali e della Famiglia:
lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 8.30–12.30
giovedì: 15.15–17.15
Tel.: 0425 206541

Servizio di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati

Breve spiegazione
Il Comune è inserito nella rete nazionale del Sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati ed offre la disponibilità per 18 posti in accoglienza, a cui si aggiungono n. 7 posti aggiuntivi,  attraverso convenzioni con soggetti no profit.
I richiedenti asilo vengono accolti su segnalazione del servizio centrale e ad essi viene offerta l’accoglienza nella fase di richiesta di asilo ed interventi di assistenza, orientamento ed inserimento sociale per 6 mesi dal riconoscimento dello status di rifugiato o di acquisizione di un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Informazioni utili

Dove andare
Settore Politiche Sociali e della Famiglia
Viale Trieste, 18 - Tel. 0425/206540
Centro di Ascolto – Informaimmigrati
Viale Gramsci, 62 - Tel. 0425/411227


Quando
Settore Servizi Politiche Sociali e della Famiglia
Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 8.30-12.30, giovedì: 15.15-17.15
Centro di Ascolto – Informaimmigrati
Martedì, giovedì: 16,00-18.00
sabato 10.00-13.00

Data aggiornamento scheda

16/02/2017
Piazza Vittorio Emanuele II, 1 - 45100 Rovigo | Centralino 0425.2061 - Fax 0425.206330
P.Iva / C.F. 00192630291
E-mail: urp@comune.rovigo.it | PEC: comunerovigo@legalmail.it
RSS:
News | Eventi