logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Rovigo

Provincia di Rovigo - Regione del Veneto.


Contenuto

Nidi in Famiglia

Nell’ottica dell’attenzione e del supporto alle famiglie e all’inserimento lavorativo delle donne, la Regione del Veneto sostiene il servizio sperimentale “Nidi in Famiglia” (Deliberazioni della Giunta Regionale del Veneto n. 674 del 18 marzo 2008 e n. 2516 del 29 dicembre 2011; maggiori delucidazioni all’indirizzo www.venetoperlafamiglia.it).

Il servizio risponde ad una precisa scelta di carattere educativo-culturale, che privilegia un contesto di piccole dimensioni. Il “Nido in Famiglia” è fondato su relazioni fiduciarie e condivise, elementi costitutivi della strutturazione sociale di reti familiari. L'esperienza di piccola comunità favorisce l’instaurarsi fra i soggetti coinvolti – famiglie, bambini, collaboratori educativi – di uno stretto circuito collaborativo.

Il “Nido in Famiglia” è gestito da un collaboratore educativo, appositamente formato con corsi regionali, che fa capo ad un organizzatore di zona; quest’ultimo, dotato di specifici titoli pedagogici e manageriali, ne coordina e ne supporta l’attività quotidiana. 
Il servizio accoglie fino ad un massimo di 6 bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 3 anni, offrendo loro un ambiente familiare, con orario flessibile, che può includere anche il pasto e il sonno, per conciliare le diverse necessità delle famiglie.

Attualmente a Rovigo è aperto il Nido in Famiglia La casa dei Puffi, che si trova in Viale Porta Adige, 137, dove opera la collaboratrice educativa dott.ssa Flavia Ramona Mitran. La struttura è regolarmente autorizzata dalla Regione del Veneto ed è seguita dall’organizzatrice di zona dott.ssa Laura Contiero. 

 

Per maggiori informazioni, si rimanda al sito www.casadeipuffi.com

 

 

 

 

Data aggiornamento scheda

15/01/2018

Sezioni espositive

L'età del Bronzo

Nella sezione dedicata all'età del Bronzo, inaugurata nel 2001, panoramiche storiche, culturali e commerciali dell’Europa protostorica fanno da cornice alla realtà registrata nell’area polesana con l’insediamento palafitticolo di Canàr di Castelnovo Bariano, con il villaggio arginato di Larda di Gavello e, in particolare, con l’abitato e le necropoli di Frattesina di Fratta Polesine.

Vai alla Galleria - Età del Bronzo

 

____________________________________________________________________

L'età del Ferro

La sezione dedicata all’età del Ferro, inaugurata nell’aprile 2002, esamina il vivace processo sociale ed economico dei secoli VI e V a.C. con la presenza etrusca nell'entroterra di Adria, testimoniata principalmente dall’insediamento rurale di San Cassiano di Crespino e dalla necropoli di Balone presso Rovigo.

Vai alla Galleria - Età del Ferro

 

____________________________________________________________________

L'età Romana 

Il terzo nucleo espositivo, inaugurato nel maggio 2004, presenta il quadro dell’antropizzazione del Polesine durante l’epoca romana, tra il II secolo a.C. e il II secolo d.C., illustrando la graduale espansione dell’Impero e l’esportazione nei territori conquistati dei modelli culturali, sociali ed economici dell’Urbe. In questa sezione il visitatore ha la possibilità di entrare nella ricostruzione di una villa rustica che si ispira alla documentazione emersa dallo scavo archeologico condotto a Chiunsano nei pressi di Gaiba. Una sala dedicata alla didattica, attrezzata con modelli in scala e pannelli esplicativi, mostra esempi dei più noti monumenti dell’architettura romana e le tecnologie sviluppate nei settori dell’ingegneria edile, idraulica, meccanica.

Vai alla Galleria - Età Romana

 

____________________________________________________________________

Il Medioevo

Nel marzo 2012 è stata inaugurata la quarta sezione espositiva: il viaggio nella storia prosegue con i 1200 anni del Medioevo. Ricostruzioni e audiovisivi ridanno vita alle testimonianze archeologiche del Polesine dall’età tardoantica agli inizi del XV secolo, mettendo in luce l’importanza strategica di questo territorio conteso e valorizzando reperti importanti e rari quali i preziosi gioielli appartenuti alla nobildonna ostrogota nota agli studiosi come la Dama di Chiunsano. I peculiari aspetti della vita quotidiana e gli avvenimenti di interesse locale, tra cui la nascita dei centri fortificati con l’esempio del castello di Rovigo, sono delineati sullo sfondo delle complesse dinamiche insediative, religiose e politiche e delle più rilevanti manifestazioni culturali e artistiche della storia europea.

Vai alla Galleria - Medio Evo

 

____________________________________________________________________

Il Rinascimento

La sezione dedicata al Rinascimento è stata inaugurata nell’aprile 2014.
Dopo gli sconvolgimenti idrografici medievali, la rinascita del territorio si delinea con nuovi assetti politici e la definizione del paesaggio attuale attraverso le opere di bonifica idraulica di Estensi e Veneziani. I video, i pannelli esplicativi e i modelli in scala presentano diversi aspetti del mutato scenario economico, sociale e artistico e le rinnovate forme dell'architettura religiosa e civile; nelle vetrine, esempi delle ceramiche da mensa e da cucina delle botteghe artigianali di Rovigo e provincia. Fulcro dell'esposizione, il prezioso piatto istoriato in maiolica del celebre pittore ceramista Francesco Xanto Avelli “da Rovigo”.

Vai alla Galleria - Il Rinascimento

Piazza Vittorio Emanuele II, 1 - 45100 Rovigo | Centralino 0425.2061 - Fax 0425.206354
P.Iva / C.F. 00192630291
E-mail: urp@comune.rovigo.it | PEC: comunerovigo@legalmail.it
RSS:
News | Eventi