logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Rovigo

Provincia di Rovigo - Regione Veneto


Contenuto

Garante dei Detenuti

Viale Trieste, 18 - Tel. 0425/206475 - Fax 0425/206476 - segreteria Donatella Cappato - Tel. 0425/206472
Riceve su appuntamento

Si comunica che, con decreto sindacale DS/2015/21 del 28/10/2015 la dott.ssa Giulia Elisa Bellinello è stata nominata Garante dei Diritti delle persone private della libertà del Comune di Rovigo, ai sensi del Regolamento approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 71 del 23/9/2008. La presente nomina decorre dal 1° novembre 2015 e ha durata di cinque anni.

 garantedetenuti@comune.rovigo.it 

Il Garante vigila e promuove i diritti delle persone private della libertà personale sul territorio di Rovigo e quindi non solo delle persone ristrette nella Casa Circondariale di Rovigo, ma anche di quelle sottoposte a misure alternative alla detenzione.
Il Garante ha il compito di tutelare i diritti fondamentali riconosciuti dalla Costituzione quali il diritto alla salute, al lavoro, all’istruzione. Egli deve inoltre vigilare sul rispetto della normativa prevista dall’Ordinamento Penitenziario, dal relativo Regolamento e da tutte le norme che possano riguardare i detenuti. Il Garante, rispetto a possibili segnalazioni che giungano alla sua attenzione attraverso telefonate, e-mail, lettere, si rivolge all’autorità competente per chiedere chiarimenti o spiegazioni, sollecitando gli adempimenti o le azioni necessarie per il ripristino di diritti del detenuto eventualmente violati, o parzialmente attuati. Promuove inoltre iniziative per sensibilizzare la cittadinanza sui problemi della reclusione e su quelli successivi del reinserimento nella società civile e mantiene contatti periodici con le Associazioni maggiormente rappresentative nell’ambito dell’esecuzione penale per uno scambio reciproco di informazioni e proposte. Il Garante è un organo monocratico che svolge le sue funzioni in piena autonomia e indipendenza; deve però riferire al Sindaco, alla Giunta, al Consiglio Comunale, sulla attività svolta e sulle iniziative intraprese, sui problemi insorti o irrisolti, presentando apposita relazione annuale. Quella del Garante dei detenuti è comunque una figura nuova e sperimentale, non ancora dotata di poteri effettivi e che è stata riconosciuta con la Legge 27 febbraio 2009, n. 14 Art. 12-bis "Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354" alla legge 26 luglio 1975, n. 354, sono state apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 18, il primo comma è sostituito dal seguente: «I detenuti e gli internati sono ammessi ad avere colloqui e corrispondenza con i congiunti e con altre persone, nonché con il garante dei diritti dei detenuti, anche al fine di compiere atti giuridici»; b) all'articolo 67, primo comma, dopo la lettera l), è aggiunta la seguente: «l-bis) i garanti dei diritti dei detenuti comunque denominati» e attraverso la circolare del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria n. 3622/6072 del 21 luglio 2009 di applicazione della Legge stessa. Questo quadro è destinato a mutare con l’approvazione della legge istitutiva del Garante nazionale, attualmente in fase di discussione al Senato. Il Garante nazionale sarà dotato di poteri effettivi e di ispezione, avvalendosi per il suo operato delle segnalazioni dei Garanti locali.

Piazza Vittorio Emanuele II, 1 - 45100 Rovigo | Centralino 0425.2061 - Fax 0425.206330
P.Iva / C.F. 00192630291
E-mail: urp@comune.rovigo.it | PEC: comunerovigo@legalmail.it
RSS:
News | Eventi